Ancora un grave pericolo per il nosocomio SS.Trinità di Sora, dove il reparto di Ginecologia e Ostetricia è a forte rischio chiusura. “E’ stato deliberato il trasferimento, senza preavviso, dal 1 maggio prossimo di due unità di ginecologi dall’ospedale di Sora allo Spaziani di Frosinone. L’imminente trasferimento, qualora avvenisse, metterebbe ulteriormente a repentaglio un reparto già gravemente carente per numero e ricambio di personale. Infatti una dottoressa è in maternità e non si riesce a sostituire e un medico è in malattia e non è sostituibile. Ciò significa che si andrebbe al di sotto di 4 unità quindi sarebbe impossibile garantire il servizio”. E’ quanto dichiara il consigliere provinciale capogruppo di Forza Italia e Presidente della XV Comunità montana Valle del Liri ing.Gianluca Quadrini sulle voci che si rincorrono riguardo il trasferimento di due medici ginecologi dal nosocomio sorano a quello provinciale.

Lo stato di insalubrità del nostro territorio è sotto gli occhi di tutti ma è certificato anche dai dati sulle morti per tumore e le diverse patologie nella popolazione suddivise per Asl di appartenenza. “Questa è una criticità da non sottovalutare. I numeri purtroppo non dicono nulla di buono e fotografano una situazione della Ciociaria molto grave, alla quale bisogna mettere mano immediatamente per bonificare un territorio che da troppo tempo soffre per inquinamenti di diverso genere. I processi di bonifica vanno a rilento di rinvio in rinvio e questo non è possibile. Le autorità politiche competenti provinciali e regionali devono intervenire con soluzioni concrete per mettere in salvo la nostra Terra” -dichiara il consigliere provinciale Capogruppo di Forza Italia Gianluca Quadrini.

I comitati a difesa dell’Ospedale di Anagni si sono incontrati nuovamente con alcuni rappresentati politici locali per discutere sulle sorti della struttura. ”Il territorio della zona nord di Frosinone –dichiara il consigliere provinciale Capogruppo di Forza Italia Gianluca Quadrini- non può attendere altro tempo per il rilancio dell’Ospedale di Anagni, dopo le numerose promesse sui potenziamenti di servizi importanti, che seppur al momento sono minimi, potrebbero rappresentare una soluzione per chi ogni giorno deve usufruirne. E’ giusto che gli abitanti di Anagni e dei Comuni limitrofi come Acuto, Filettino, Fiuggi, Piglio, Paliano, Serrone Sgurgola, Trevi nel Lazio siano rassicurati sui tempi e le modalità con cui questo potenziamento dovrebbe realizzarsi. Le misure concordate finora devono essere adottate subito per il bene dei cittadini e delle loro famiglie, per i quali la struttura rappresenta un punto di riferimento importante”.


Pagina Facebook Gianluca Quadrini

Pagina Facebook XV Comunita Montana Valle del Liri