Il Consigliere provinciale Coordinatore di Noi con l'Italia Gianluca Quadrini ha presentato una interrogazione a risposta scritta al Presidente dell'Amministrazione Provinciale, al Segretario Generale e ai Consiglieri della Provincia di Frosinone per sapere quali iniziative l'ente intende intraprendere eventualmente per far annullare la Determinazione Dirigenziale n. 199 del 26/01/2018 relativa all'autorizzazione di una nuova attività di deposito e lavorazione di rifiuti da affiancare alla attività di “trasferenza” che la ditta TAC Ecologica attualmente svolge in Piglio località Casa Zompa, al fine di salvaguardare un territorio ad alta vocazione agricola dove la produzione del vino Cesanese del Piglio DOCG è diventato onore e vanto di questa Provincia in tutto il mondo.

Leggi tutto...

Al via i lavori di realizzazione di spazio verde attrezzato con giochi per bambini nella Villa Comunale del Comune di Cervaro. Il progetto è stato realizzato e sostenuto con fondi della XV Comunità Montana Valle del Liri di Arce presieduta dall'ing.Gianluca Quadrini che si dice molto soddisfatto di un'opera volta a valorizzare lo spazio pubblico quale luogo di aggregazione e socialità, creando un’area di rinascita del verde dove cittadini e bambini potranno incontrarsi.

Leggi tutto...

‘Omissioni, sparizioni, ritardi. Una serie di ‘stranezze’ che si notano scorrendo l’albo on line del Comune di Arpino finite al centro di una circostanziata interrogazione al sindaco, ai funzionari responsabili ed indirizzata per conoscenza anche a S.E. il Prefetto di Frosinone, che ho presentato in queste ore per sapere le motivazioni di una serie di anomalie che certo non mettono la minoranza consiliare e soprattutto i cittadini nelle condizioni ideali per conoscere l’attività dell’amministrazione Rea.

Leggi tutto...

Una notizia preoccupante quella che circola da giorni riguardo la presunta chiusura della Guardia Medica ad Arce. Un presidio essenziale per la comunità del paese e dintorni, la cui paventata interruzione,lascia nello sconforto non solo gli amministratori, che si vedrebbero sfuggire di mano anche questo servizio, ma l’intera cittadinanza all’interno della quale si contano tantissime persone di età superiore ai 65 anni. Una sconfitta per la città,quindi, allarmata non solo per la mancata assistenza in caso di emergenza, ma anche per tutti coloro che sono avanti con l'età, come anziani che vivono soli.

Leggi tutto...

Gianluca Quadrini consigliere provinciale Coordinatore di Noi con l'Italia, nonché presidente della XV Comunità Montana Valle del Liri e consigliere comunale di Arpino, torna a far sentire la sua voce dicendosi contrario alla decisione della giunta Zingaretti che vuole un unico centralino operativo per smistare le chiamate del 118 nelle due provincie di Frosinone e Latina.

Leggi tutto...

Si terrà ad Arpino dal 17 al 19 agosto 2018 la tanto attesa 48esima edizione de ll Gonfalone.
La manifestazione folkloristica vede le contrade della città sfilare in costume ciociaro e sfidarsi, sempre in abiti tradizionali, in diverse gare. L'evento è patrocinato e sostenuto anche dalla XV Comunità Montana Valle del Liri di Arce, da sempre vicina ad eventi che valorizzano il territorio e le sue tradizioni.

Leggi tutto...

L'accorpamento delle centrali dell' Ares 118 Frosinone-Latina sta suscitando la protesta non solo degli operatori, ma anche dei cittadini. Dal 1 luglio e con la delibera 473 del 28 giugno, a firma del direttore generale Ares 118 dottoressa Maria Paola Corradi, è operativa, infatti, la centrale unica Latina Frosinone la cui responsabilità è stata temporaneamente affidata al Direttore della UOC Maxiemergenze di Roma, e tolta ai responsabili ff delle disattivate strutture di Frosinone e Latina.

Leggi tutto...

I consiglieri di minoranza Gianluca Quadrini, Mauro Iafrate e Rachele Martino del gruppo consiliare Con Quadrini Sindaco hanno presentato stamani esposto-denuncia al Comando della stazione dei Carabinieri di Arpino e per tramite degli stessi alla Procura della Repubblica di Cassino nonché alla Soprintendenza Archeologica del Lazio, in relazione alla costruzione di una scala di accesso in cemento ai piedi della Torre detta "di Cicerone", nell'area archeologica di Civitavecchia.


L'opera è stata infatti in questi giorni oggetto di polemiche poiché si è trattato di una grave anomalia inserita nel contesto del sito di Civitavecchia di Arpino che è tra le testimonianze archeologiche più importanti d'Italia, non solo della Ciociaria.
Quello che i 3 consiglieri chiedono è di accertare la regolarità del rilascio di tutte le necessarie autorizzazioni per la costruzione dell'opera in zona vincolata, nonché di essere informati sull'esito del procedimento.

Ufficio stampa
Gianluca Quadrini
Consigliere comunale

Una scala in calcestruzzo, ben sette scalini in tutto “arredati” da una ringhiera in ferro e legna è comparsa in questi giorni, ed oggi scomparsa, a prosecuzione della scala naturale esistente ed in pietra risalente ai secoli scorsi tramite la quale si raggiunge la Torre impropriamente detta di Cicerone, a poche decine di metri dall’Arco a Sesto Acuto, nel pieno del sito archeologico del borgo di Civitavecchia ad Arpino.

Leggi tutto...